Visite patente a Latina, ‘graziato’ dalla cml: patente confermata


commissione medica locale latina

C’è l’autista tatuato e un po’ palestrato. C’è la signora elegante che cena spesso fuori e non disdegna un bicchierino. C’è il vecchietto col cappello che attende pazientemente il suo turno da due ore.

E’ a dir poco variegata la fila allo stretto ufficio al 1° seminterrato della Asl di via Montesanto a Latina. Di qui, prima o poi, ci passeranno tutti gli automobilisti della provincia di Latina. Prima o poi.

E’ qui, infatti, che si riunisce la commissione medica locale delle patenti speciali,  per esaminare i casi di patenti per soggetti che hanno patologie (come disturbi alla vista, o all’udito, ecc.), o ancora per persone a cui è stata ritirata la patente per droga o alcool, o che devono fare la revisione della patente. Ma non solo. Qui, tra faldoni di documenti, organizzati per ordine alfabetico, si è costretti a venire anche per poter rinnovare la patente quando si è ultraottantenni. E la fila, credetemi, è veramente lunga.

Come avrete capito vi sto per raccontare brevemente della mia ennesima trasferta a Latina per completare il lungo iter di visite mediche e pagamenti per rinnovare la patente. La storia inizia qui, con uno 0,52 all’etilometro, in una fredda notte di marzo, al confine Formia Gaeta. Patente ritirata per guida in stato d’ebbrezza, per uno 0,02 in più al limite di legge. Di punto in bianco, finisci in una gabbia burocratica, costretto a visite psicologiche, bonifici bancari, bollettini postali, code ad uffici, prelievi di sangue.

-------------
-------------

Alla fine ti ridanno la patente, sì, ma hai in mano un pezzo di plastica con una scadenza di un anno. Devi ritornare lì, nello stretto ufficio della cml, per iniziare l’iter.

Per fortuna, nel mio caso, un iter un po’ più snello rispetto al primo anno. Niente visita oculistica, niente visita psicologica. Oltre ad un bonifico bancario per l’Asl e un bollettino postale per la motorizzazione, due prelievi di sangue, e la solita CDT, i cui risultati sono in busta sigillata.

Ieri, infine (un giorno prima della scadenza della patente), l’appuntamento con la commissione medica. Il presidente, sigaro (spento ovviamente) in bocca, apre la busta della Cdt, rilegge l’ordinanza del prefetto. “Questo ragazzo è stato beccato proprio al limite” dice, verso i colleghi della commissione “0,57 e 0,52” ,  i risultati delle due prove all’etilometro.

“0,52? ti dovevano dare 6 ore di ritiro patente” ironizza un altro. Insomma, finalmente ci si rende conto che la ‘punizione’ (per quanto a norma di legge di cui all’art. 186 del codice della strada), è forse un po’ eccessiva, nel mio caso.

Per cui, finalmente, la bella notizia: mi danno la conferma della patente. Qualche settimana e mi verrà spedito un adesivo da incollare sulla patente, con la scadenza prorogata di 10 anni. Niente più visite e prelievi di sangue, nessuna fila alla cml. E’ finita. Tra 10 anni la banalissima visita di 2 minuti ad una qualsiasi autoscuola, come tutti i comuni mortali.

Quasi con i lucciconi agli occhi stringo la mano al presidente, saluto e mi lascio alle spalle quell’odioso ufficio.  Ci ritornerò, se Dio vuole, a 80 anni. Ma prima no. Non più. E’ la fine di un piccolo incubo.

GD Star Rating
a WordPress rating system
Visite patente a Latina, 'graziato' dalla cml: patente confermata, 9.2 out of 10 based on 13 ratings

5 pensieri riguardo “Visite patente a Latina, ‘graziato’ dalla cml: patente confermata

  • 20 novembre 2011 in 23:58
    Permalink

    Bell’articolo che ci fa capire che forse è meglio non rischiare il girone infernale di una burocrazia senza fine per un bicchiere di troppo.

    Risposta
  • 22 giugno 2012 in 17:36
    Permalink

    Beccato con 0,82 0,93 in zona città della pieve 1 mese fa sono purtroppo alla prima fase dell’incubo , con l’aggravante del procedimento penale (da 0,80) parlando con un avvocato si potrebbe evitare pena e pecunia chiedendo di collaborare ai servizi sociali , mi son messo nelle sue mani visto che mi confermano che meglio lasciar perdere giudice di pace. Per adesso oltre al fatto che sto perdendo affari sul lavoro (sono in proprio ho un agenzia di viaggi vivo a civita castellana e lavoro a Nepi ed è problematico raggiungere il posto di lavoro)
    Ho ricevuto dal prefetto la conferma di sospensione per 6 mesi!!ho per ora solo fatto 1 h di trenino da Civita C. a Viterbo , 2 h di fila a viterbo per farmi consegnare un foglio dove mi si da un appuntamento per tornare fra una settimana per ritirare prescrizioni e una altra1 h e 30 di Bus da Viterbo a Nepi.ho dovto separarmi dal mio cane non avendo nessuno che lo possa assistere all’h di pranzo e io impossibilitato a rientrare per mancanza di coincidenze!!

    Risposta
    • 22 giugno 2012 in 17:44
      Permalink

      Mi dispiace molto, mi auguro per te che tu possa fare gli LSU (lavori socialmente utili), per evitare le spese (il carcere comunque sia non è previsto, è tramutato in un’ammenda pecuniaria di non so quante migliaia di euro).
      Passati i sei mesi riavrai la patente, è un tempo che sembra non finire mai. Tra esami, file agli sportelli, visite varie, se ne va tantissimo tempo.

      Ti linko un forum dove potrai trovare altre informazioni utili sull’argomento
      http://www.ricorsi.net/forum/stato-debbrezza/

      SAluti
      R.G.

  • 22 giugno 2012 in 18:04
    Permalink

    si lo so la situazione è veramente pazzesca, anche perchè mi ha portato a rimpiangere Milano(di dove sono originario e “fuggito 7 anni fa”) o il vivere in una città , li non me ne sarei neanche reso conto di stare senza patente. Qui è come non esistere a meno che chiami continuamente persone/amici per chiedere passaggi spesa lavoro uscire etc etc..se può essere utile ti tengo aggiornato saluti LN

    Risposta
  • 24 maggio 2013 in 10:53
    Permalink

    per quelli che sono entrati in questo girone infernale:

    trasferite la residenza all’estero in uno stato europeo (magari ci passate il mese di agosto durante le ferie).

    Convertite la patente in quella della vostra nuova residenza
    (meglio polacca che non scade mai almeno era cosi fino al 2009 ora non so! o belga o irlandese che costa 25 euro piu una foto tessera)

    è consentito circolare in italia con una patente di uno stato europeo senza doverla riconvertire in patente italiana fino a scadenza… male che vada sono 10 anni.

    tra l’altro non possono nemmeno decurtare punti,
    almeno fino a quando l’UE non uniformerà la patente a punti.

    io l’ho fatto, e non sono pentito

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *