Quando l’autovelox uccide: due motociclisti morti per evitarlo



incidenti per evitare autoveloxincidenti a causa di brusca frenata vicino all’autovelox: si possono evitare?

 

L’autovelox può uccidere. Strano a dirsi. Un marchingegno che dovrebbe prevenire incidenti, che dovrebbe indurre a ridurre la velocità, che dovrebbe salvare vite umane, è il corresponsabile della morte di due motociclisti.

Per carità, diciamo le cose come stanno: i protagonisti di questa notizia di cronaca nera, sono morti perchè hanno frenato all’ultimo momento, per evitare l’implacabile multa.

E di fronte a due persone che muoiono e fanno notizia, ci sono ogni giorno centinaia di altri automobilisti che comunque fanno incidenti sempre con la stessa dinamica: frenata improvvisa per evitare l’autovelox o la multa al semaforo che diventa rosso (il cosiddetto T-Red).

L’autovelox, installato nei posti più insoliti, senza un adeguato preavviso, è uno strumento per fare cassa, amatissimo dalle amministrazioni comunali che magari li piazzano dopo una galleria (così va ko anche il navigatore che te lo dovrebbe segnalare).

Ed è, appunto, uno strumento inutile per chi ha il navigatore che te lo indica con un certo preavviso, oppure per chi non è nuovo di quella strada e conosce dov’è esattamente la sua posizione, e dunque rallenterà solo nelle sue vicinanze dell’autovelox stesso, per poi riprendere a premere sull’acceleratore subito dopo.

-------------
-------------

Che senso ha uno strumento del genere? Solo a creare stress nell’automobilista, che deve spostare lo sguardo dalla strada per controllare se il suo tachimetro va al di sotto del limite. Limiti che nella maggior parte dei casi sono sottostimati e mai aggiornati.

E allora? L’alternativa c’è, e si chiama Tutor. Sì, esattamente, come quelli delle autostrade.

Rilevando la velocità media di percorrimento di una strada, fa sì che il giochetto del ‘furbone’ che frena vicino all’autovelox, sia nullo.

Video:

Tu sai che devi percorrere quella strada con una velocità MEDIA di 60 chilometri all’ora. Dunque, se per un brevissimo tratto vai a 75, ti devi ricordare che poi devi frenare e andare molto più piano, altrimenti scatterà la multa.  Addio frenate improvvise, addio morti per evitare l’autovelox, addio furboni.

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... autovelox, cronaca nera, guida, morte, strada
Vasco Rossi e guida in stato d’ebbrezza: “Gli incidenti non hanno motivo razionale, sono parte della vita”

Ha fatto discutere, qualche giorno fa, la nota pubblicata da Vasco Rossi sulla sua pagina...

Chiudi