Proteste dei Forconi, blocchi stradali in tutta Italia e paura di rimanere senza benzina


caos benzina protesta forconi 350x234La protesta in Italia dei Forconi, blocco trasporti e code ai distributori

L’Italia è una Repubblica fondata sulla benzina. Se viene a mancare, c’è il caos totale.

E a vedere le foto di qualche giorno fa della folla dei siciliani che attendono pazientemente il proprio turno, per riempire una tanica di benzina nei pochi distributori con le pompe non a secco, viene da pensare. Ogni cosa, nella nostra Penisola, viaggia su gomma, e dunque se si bloccano le strade, come sta facendo in questi giorni il movimento dei Forconi (una specie di moderni vespri siciliani, come lo definiscono dalle mie parti), salta tutto.

Gente che non può andare a lavoro, impennate dei prezzi della merce al supermercato, auto e mezzi commerciali senza benzina e gasolio, tutto bloccato.





Fintanto che la protesta era rimasta confinata alla Sicilia e alla Calabria, su giornali online e telegiornali la notizia principale era la Costa Concordia, anzi, Francesco Schettino e le sue dichiarazioni, quasi totalmente gossip post tragedia, mascherato da informazione.

Ora, con lo spostamento delle proteste nel resto d’Italia, la cosa finalmente diventa seria. O meglio, seria lo era anche prima, solo che ora interessa anche a tutti gli altri italiani.
Oggi Raiuno ha dedicato alla fobia imperante di rimanere senza benzina lo speciale Radio Londra con Giuliano Ferrara, e ci si aspetta che nei prossimi giorni nel palinsesto televisivo vari talk show e approfondimenti vari sull’argomento.

Cosa succederà nei prossimi giorni? Fino a che punto si espanderanno le proteste? Ai posteri l’ardua sentenza.

 

Vi do qualche link sulle proteste di gennaio 2012 del movimento dei Forconi e sui blocchi stradali in Italia:

GD Star Rating
loading...