Riforma Monti: Inpdap e Enpals insieme in un Super Inps



super inps

Con la nuova manovra Monti Salva Italia nasce il Super Inps: con il nuovo decreto legge il Governo ha deciso di fondere gli enti previdenziali Inpdap e Enpals all’interno dell’unico ente Inps.

Il motivo di tale accorpamento è da ricercare in un abbattimento dei costi della spesa pubblica, in vista del raggiungimento dell’obiettivo del pareggio del bilancio entro il 2014.

L’Inpdap, lo ricordiamo, è l’Istituto Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica, nato con l’obiettivo di gestire le pensioni degli ex dipendenti statali e ministeriali;
l’Enpals è lEnte Nazionale di Previdenza e Assistenza per i lavoratori dello spettacolo, ma garantiva le pensioni anche ai professionisti dello sport.

Accorpare questi due enti nell’Inps, attribuisce a quest’ultimo il ruolo principale di riferimento per tutti i lavoratori italiani sia che siano subordinati, pubblici, autonomi o professionisti.

-------------
-------------
 


Con il decreto di Dicembre 2011 l’Inps diventa Super Inps, un colosso che aggiunge ai suoi 25.500 addetti altri 7mila dipendenti in arrivo da Inpdap e circa 350 da Enpals. Soprattutto, arrivano in Inps, circa 2,6 milioni di pensionati iscritti all’Inpdap e altri 3,5 milioni di lavoratori, vale a dire tutto il mondo del pubblico impiego; mentre dall’Enpals arrivano circa 300mila iscritti attivi e 60mila pensionati.

Tutto questo per ribilanciare un fardello che arriva a 13 milioni di euro, ereditato in sostanza dall’ex ente previdenziale per i dipendenti pubblici, derivanti dai vari blocchi del turn over, che hanno comportato la riduzione del numero degli iscritti, nonché l’aumento delle richieste di mutui e prestitiInpdap che hanno incisivamente aumentato le uscite.

Tra queste forme di finanziamento a tassi agevolati molto richieste c’è la cessione del quinto Inpdap, la cui durata è al massimo di 120 mesi ed è riservata ai dipendenti pubblici che non hanno fatto ricorso ad altri prestiti ancora da rimborsare.

Sono quindi necessarie contromisure celeri per far fronte a tale squilibrio finanziario senza intaccare il patrimonio dell’Inps.

Comunque sia, i problemi finanziari non saranno i soli ostacoli di un accorpamento di così grandi dimensioni, che dovrà farsi carico nei prossimi mesi di una complessa integrazione di procedure informatiche e archivi, oltre che dei sistemi organizzativi.

La nascita di un super ente di tali dimensioni è un’impresa senza precedenti: nei Welfare europei non esistono sistemi simili all’Inps. In Francia ci sono otto enti che fanno quello che in Italia fa l’Inps, in Germania ce ne sono sei.

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... governo, inps, mario monti, prestito
Mutui prima casa e mutuo seconda casa: le differenze

Mutuo casa: le differenze tra i mutui per la prima casa e i mutui per...

Chiudi