Per iniziare a lavorare devi avere i soldi


Il titolo del post è un po’ provocatorio, lo ammetto. Ma per chi (come il sottoscritto, tra un annetto) dovrà mettersi alla ricerca di un posto di lavoro con una laurea (specialistica, sottolineiamolo) in ingegneria delle telecomunicazioni, le alternative non saranno molte.
A dire il vero, le possibili scelte sono solo due:
– o accettare un lavoro come programmatore Java (e di questo ho già parlato qui), ossia un lavoro in cui NON è necessaria la laurea, ma solo la capacità di programmare;
– oppure fare l’ingegnere delle telecomunicazioni;


Video:

Ovviamente, nel secondo caso, nessun azienda recluterebbe un neolaureato a stipendio pieno, per cui, nel caso si decida di fare un lavoro attinente col proprio percorso di studi (ovvero l’ingegnere), si deve prima fare esperienza, che tradotto significa lavorare sodo, ma con un contratto di stage a 500 euro mensili, appena sufficienti per l’affitto di una camera a Roma.
Dunque, il titolo del post non è tanto lontano dalla realtà: cari studenti, mettetevi i soldi da parte, perchè per iniziare a lavorare e arrivare a fine mese occorrerà aprire il portafogli.

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro... contratto, crisi, information technology, lauree
Una tesi di laurea su Gabriele Paolini, il disturbatore della tv

Scienze della Comunicazione è la facoltà universitaria che produce le tesi di laurea più 'strane'...

Chiudi