Poste, scendono i tassi d’interesse: da 0,50 a 0,25% lordo



Con una lettera allegata al solito estratto conto trimestrale, Bancoposta mi ha informato di una ‘proposta di modifica unilaterale di contratto’: a decorrere dal 1° giugno 2009 il tasso di interesse annuo creditore passa da 0,50% lordo allo 0,25% lordo (ritenuta fiscale del 27%).
Insomma, praticamente a fine anno, tra bollo (34,2), spese di tenuta conto (30,99 euro), canone per utilizzo della carta Maestro  (10 euro) senza la quale NON si possono ritirare i propri soldi, a meno che non si utilizzino degli assegni, più eventuali spese varie per bonifici o canone di carte di credito ecc… insomma alla fine uno è costretto (per poter avere qualche liquido al ‘sicuro’ e avere la libertà di prenderlo da un qualunque postamat) a pagare per avere dei soldi sul c/c. Altro che interessi.

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... bancoposta, interessi
Convenienza Bancoposta: macchè, qua non ti cambiano manco gli assegni

Quando penso alle banche mi viene subito l’immagine del consulente furbetto che ti fa mettere...

Chiudi