LO SCRITTO DI TRASMISSIONE FRENA LE PAURE DELLA VIGILIA


Scritto ‘sperimentale’ più che abbordabile, ma correzione un po’ puntigliosa

La teoria, con la sua mole impressionante di esempi, definizione, passaggi, schemi, codici e teoremi a vederla fa impressione per la sua mole: quasi due quadernoni fittissimi, un’enormità per un corso da cinque crediti della laurea triennale. 
Figuriamoci assimilarla per bene, un’impresa. Trasmissione numerica 1, caratterizzante di ingegneria delle telecomunicazioni, è la naturale tappa del percorso iniziato con teoria dei fenomeni aleatori (ex calcolo delle probabilità), teoria dei segnali e comunicazioni elettriche, continuando e approfondendo concetti tipici dell’aleatorietà della trasmissione dell’informazione (in particolare binario, cioè costituiti da sequenze di 0 e 1, tipico degli strumenti digitali) e introducendo formalmente termini entrati nel vocabolario quotidiano dell’era internettiana e tecnologica, come il bit rate e la capacità di canale di trasmissione.
S. Buzzi
Novità di quest’anno è il cambio di cattedra, affidata al prof. Stefano Buzzi (foto a fianco), docente in verità più affabile e alla mano rispetto a M. Lops, docente dell’anno scorso, attualmente presidente del corso di Laurea. A coadiuvarlo nelle esercitazioni il giovane assistente Venturino, una scheggia nelle spiegazioni (che fatica stargli dietro…).
Insieme al prof. cambia anche il ‘vecchio’ metodo di valutazione, basato sulla sola prova scritta. Tutti (o quasi) concordi nel definire, alla vigilia dell’esame vero e proprio, lo scritto come una prova davvero complessa, e in molti (compreso il sottoscritto) c’era pessimismo.
Vane anche le parole rassicuranti del prof: “Lo scritto è meglio, io quando ero studente preferivo lo scritto all’orale, nello scritto puoi concentrarti meglio, puoi pensare con più calma”. Vero, ma se lo scritto è impossibile…
A scoraggiare gli animi degli studenti sono soprattutto i devastanti commenti dei colleghi che hanno già passato l’esame negli scorsi anni: “gli esercizi sono davvero difficili, non vorrei mai essere nei tuoi panni”.
Unica eccezione Vegeta, prossimo alla tesi (a quest’ora credo che abbia già fatto almeno uno dei tre esami che gli rimangono): “Che ti lamenti? Io mi sono fatto il mazzo per passare. Adesso copia lo scritto e hai fatto…”.
Alla fine, però gli studenti del corso si sono dovuti ricredere alla nuova formula del solo scritto: lo scritto del 29 giugno era più che fattibile, come dimostrato dall’elevatissima percentuale di promossi. In conclusione l’esito è quasi una fotocopia dell’esame di teoria dei segnali in salsa diversa.
E’ l’altra faccia della medaglia, quella più amara: lo scritto è sicuramente una soluzione ottima per chi vuole fare più esami in un quadrimestre, la preparazione è in media più breve, ma si rischia di essere valutati in maniera sommaria ed inesatta, con i soliti ‘cani e porci’ che approfittano scopiazzando a destra e manca per portare a casa un facile voto sul libretto, e di contro volenterosi che si sono impegnati per settimane per stare al passo nelle spiegazioni che sono costretti, per non perdere troppo tempo, a prendersi non dico il primo voto che capita, ma quasi.
La storia è sempre la stessa, e, come al solito, non riesco ad andare oltre un fiacco 26 (di fronte a tantissimi 28, 29 e 30), pena una banalità imperdonabile: scambio un esponenziale in base 2 con un logaritmo.
Rifiutare il voto, ovviamente, è troppo rischioso, come consiglia il collega ‘Pacciani’, entusiasta del suo venti (tutta farina del suo sacco, giura, ma è difficile credergli).
Chi troppo vuole…

GD Star Rating
loading...

4 pensieri riguardo “LO SCRITTO DI TRASMISSIONE FRENA LE PAURE DELLA VIGILIA

  • 1 luglio 2004 in 21:11
    Permalink

    Una curiosità: come ti procuri le foto dei prof?? Non è che li fotografi un istante prima dell’esame?

    A proposito di splinder, sgommo, adesso ho questo indirizzo:

    http://www.extrabyte.info

    (in allestimento)

    extrabyte

    Risposta
  • 3 luglio 2004 in 13:35
    Permalink

    Non li fotografo, magari.

    Di quelli che hanno un sito internet riesco a prendere la foto.

    Per altri, purtroppo non posso fare nulla, ma se riesco da qualcha a scattare a distanza ravvicinata un mms, tanto meglio.

    Speriamo che non mi denuncino per aver messo la loro foto sul mio sito.

    bello il sito etantonio.it (hai visto che cazzo di tesi? io il Qpsk l’ho appena visto in generale nell’esame di trasmissione numerica…);

    peccato che alcuni appunti siano incompleti (le formule non le riesco a visualizzare)…

    Lo segnalerò tra i miei link…

    Risposta
  • 15 ottobre 2004 in 21:52
    Permalink

    e’ brutto rosicare nella vita…scatta galloimmenso!!!!!!!!!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro... cassino, esami
Università, Cassino al 21° posto

Leggero calo per la facoltà di Ingegneria di Cassino nella graduatoria 2004 stilata dal Censis...

Chiudi