Sconti sui farmaci, che caos



Farmacia Prigiotti, centro di Cassino.
Compro una scatola di Cebion (cioè vitamina C), comunissimo farmaco da banco (cioè di libera vendita). Dietro il bancone c’è tanto di cartello (“sui farmaci di libera vendita applichiamo lo sconto anche del 20%”) che indica che la farmacia dovrebbe, dico dovrebbe, applicare sconti sui medicinali senza obbligo di ricetta.
La farmacista legge il prezzo e batte lo scontrino: 4,50 euro, cioè il prezzo massimo di vendita.
“Ma come? Non c’è lo sconto?”, domando. “Beh, sì, forse, non so, mi sembra che è poco… No, lo sconto non c’è sulla Cebion”.
Insomma, c’è o non c’è questo sconto? E se no, perché non hanno esposto un elenco dei farmaci sui quali si applica lo sconto? Perché viene indicato lo sconto massimo (allettante) del 20%, e non lo sconto minimo? Perché, solo alcuni mesi fa, comprando lo stesso prodotto nella stessa farmacia mi è stato concesso uno sconto ‘a forfait’ e soprattutto a richiesta, più o meno, del 5%, e ora niente?
Perché una direttiva del ministero della salute (il decreto Storace) viene applicata “ad capocchiam”, cioè in alcune farmacie (tutte quelle da cui sono andato, tranne questa) si applicano gli sconti, ed in altre no?
GD Star Rating
loading...
-------------
-------------

7 pensieri riguardo “Sconti sui farmaci, che caos

  • 19 Maggio 2006 in 13:46
    Permalink

    mi scusi ma

    per i preservativi fate il 3×2?

    Risposta
  • 22 Maggio 2006 in 14:47
    Permalink

    la prossima volta fatti la spremuta d’arancia

    by giorgetto

    Risposta
  • 22 Maggio 2006 in 20:32
    Permalink

    Una compressa di cebion equivale a ben 11 arance

    extrabyte

    Risposta
  • 22 Maggio 2006 in 22:33
    Permalink

    Bravo Extra.

    Non è per la Cebion, non è per lo sconto, è solo per stare contro il caos regnante nel monopolio farmaceutico. Sarebbe meglio che le medicine ‘da banco’ si vendessero al supermercato, no?

    Risposta
  • 25 Maggio 2006 in 13:46
    Permalink

    ops, il commento precedente è mio



    extrabyte

    Risposta
  • 25 Maggio 2006 in 13:45
    Permalink

    negli usa la maggior parte dei farmaci da banco li trovi nei supermarket

    Addirittura il DHEA che in italia è vietato

    Risposta
  • 25 Maggio 2006 in 16:28
    Permalink

    La mia era una provocazione, non so se effettivamente sarebbe giusto vendere i farmaci al supermarket…. ma comunque è ridicolo che vai le farmacie possano fare i c… comodi loro!!!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Read previous post:
“Ministri” (doppie e triple virgolette)

Francesco Rutelli, ministro della cultura. Fabio Mussi, ministro dell'università e della ricerca. Clemente Mastella, ministro...

Close