Il mondo? Finirà il 19 gennaio 2038



Interessante ebook in italiano dedicato al mondo di Google, il motore di ricerca più famoso e utilizzato nel mondo, e diventato in pochi anni un fenomeno dilagante, un vero e proprio ‘padrone’ del Web.
Il libro si può scaricare gratuitamente da qui:
http://www.ippolita.net/google

Tra l’altro, in appendice, viene svelata una particolarità di cui non credo molti sono a conoscenza, se non fra gli ‘addetti ai lavori’ dell’informatica: nonostante ormai l’architettura dei computer si sta completamente avviando verso il 64 bit, molte cose rimarranno a 32 bit.
E qui sta la fregatura:

Video:

> La data di scadenza di Google è il 17 gennaio 2038. Questa data è interessante perché è giusto due
giorni prima della fine del mondo. Il 19 gennaio 2038 è una data data essenziale per tutto il mondo
POSIX, che comprende tutti i sistemi operativi derivati dal sistema UNIX (GNU/Linux, BSD,
Solaris, ecc.) e tutti i protocolli di rete UNIX style (http, ftp, etc). Sui sistemi POSIX il tempo è
regolato per ragioni storiche dal numero di secondi intercorsi dal primo gennaio 1970. L’unità di
misura per questo numero è un “intero segnato”, valore che nell’informatica occupa in memoria 32
bits.
Se un programmatore crea una variabile di tipologia intero segnato per memorizzare un valore
numerico, questo può essere come minimo -2147483648 e come massimo 2147483647. Un numero
molto grande, ma che diventa un valore piccolissimo se lo trasformiamo in secondi. In 32bits infatti
ci stanno appena 136 anni.
Quando Ken Thompson, quasi per gioco, inventò lo Unix, mai avrebbe immaginato di
rivoluzionare a tal punto l’informatica e soprattutto mai avrebbe pensato che una serie sue scelte (il
filesystem, l’ora, la codifica caratteri, le chiamate a funzione, il linguaggio di programmazione,
ecc.) sarebbero diventate legge per ogni programmatore del globo da lì a brevissimo. Thompson
decise nel 1972 che la data 0 dal suo sistema operativo sarebbe stata il 1 gennaio 1970.
2147483647 secondi dopo il 1 gennaio 1970, sarà esattamente il 19 gennaio 2038 alle 3:14 di
mattina, ultimo secondo del mondo Unix, di internet (che funziona grazie a protoccoli Unix) e dei
principali server del globo (che utilizzano sistemi operativi derivati da Univx). Dopo quel secondo
saremo proiettati nel 13 dicembre 1901 alle 20:45. Sicuramente questo sarà un problema da gestire
da qui ai prossimi anni e richiederà un cambio epocale nella gestione del tempo e di tutto il resto nei
sistemi Unix. Sicuramente un problema un po’ più serio e fondato del tanto decantato “Millennium
bug” nel passaggio dal 1999 al 2000.
La data di scadenza di Google è quindi la data massima impostabile in un cookie comportando che
il browser dei nostri sistemi operativi, non rimuoverà mai quel cookie e le informazioni in esso
salvate. Per un approfondimento del problema delle date, si vedano:
http://www.2038bug.com/index.html
http://www.iee.org/Policy/Areas/SCS/problemdates.cfm
http://en.wikipedia.org/wiki/Unix_epoch~~

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Roma, una fine atroce

7 - 1. Un risultato tennistico, il tracollo dei giallorossi.

Chiudi