Ultimo dell’anno, tra botti, feriti e sequestri di fuochi d’artificio illegali



sequestro botti illegali

Nonostante la crisi in molti non rinunceranno a spendere per i fuochi d’artificio. E ci sono già i primi feriti, mentre proseguono i sequestri di botti illegali

L’arrivo di un nuovo anno è solitamente salutato con un utilizzo massiccio di petardi e fuochi d’artificio, soprattutto in Italia, dove la tradizione è molto radicata e spesso è responsabile di veri e propri bollettini di guerra.

La fine di questo 2012 è stata contraddistinta da una forte campagna di sensibilizzazione sull’uso dei classici botti, soprattutto per proteggere gli animali, spesso spaventati a morte dalla loro deflagrazione, ma anche per evitarne un uso pericoloso per gli stessi esseri umani, soprattutto se derivanti da acquisti clandestini di materiale non conforme a controlli e leggi.

Il 2012 non è ancora finito, ma purtroppo si contano già i primi feriti. A Torino un tredicenne è rimasto ferito gravemente a un braccio a causa dell’esplosione di un petardo raccolto per strada, mentre giocava insieme a degli amici. A Napoli è addirittura esplosa un auto piena zeppa di fuochi d’artificio, provocando il ferimento serio dei due occupanti della vettura e dell’autista di un autobus che stava transitando nelle vicinanze. A Ronta, provincia di Firenze, un infermiere di 42 anni ha perso un occhio a causa dello scoppio di un petardo, che l’uomo aveva infilato in un tubo di metallo mentre preparava uno spettacolo pirotecnico in vista del veglione.

Il rischio, come ogni anno, è che il primo giorno del 2013 si contino i feriti di guerra e anche per limitare i danni al minimo molte città, fra le quali ricordiamo Diano Marina e Torino, hanno posto limiti molto stringenti sugli orari e le modalità di utilizzo dei botti. Anche le forze dell’ordine si stanno impegnando per evitare che materiale illegale venga utilizzato impropriamente e a tal riguardo si registra un ingente sequestro di botti non conformi effettuato dalla Guardia di Finanza a Lamezia Terme. 144 chili di materiale custodito senza nessuna cautela particolare, e appartenente alle categorie di pericolosità IV e V, è stato trovato in un garage privato; denunciata l’anziana proprietaria del locale.

-------------
-------------

 

fonte:

Video:

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2012/12/31/Sequestrati-144-chili-botti-illegali_8013048.html

GD Star Rating
loading...
-------------

-------------

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... capodanno, esplosione, firenze, fuochi pirotecnici, napoli, pericolo
capodanno tradizioni
Capodanno, non solo veglioni: le strane tradizioni del 31 dicembre in giro nel mondo

Curiose tradizioni del giorno di Capodanno nel mondo Il Capodanno non è solo veglioni e...

Chiudi