Elezioni 2013: il voto al tempo di Facebook, fra foto illegali e consigli bizzarri



elezioni 2013

Elezioni 2013, c’è chi fotografa la scheda votata e mette la foto su Facebook, e chi consiglia di inumidire la matita prima del voto: consigli e pratiche strane al tempo di facebook

Ancora poche ore e l’Italia saprà il risultato delle Elezioni Politiche 2013 che dovrebbero portare alla formazione di un nuovo Governo. Nella seconda giornata disponibile per votare i seggi hanno aperto alle 7 di questa mattina e chiuderanno alle 15, per poi procedere allo spoglio delle schede che andrà avanti probabilmente fino a tarda notte.

Uno dei pochi dati certi è che rispetto alle ultime Politiche l’affluenza è in calo di circa il 7%, complice probabilmente una certa sfiducia negli elettori, ma anche il maltempo che, soprattutto al nord, sta condizionando la viabilità. Qualunque sarà il risultato dello spoglio queste Elezioni verranno sicuramente ricordate per la forte influenza dei social network, usati sì per effettuare propaganda durante la campagna elettorale, ma che soprattutto stanno fungendo da specchio del sentimento elettorale, visto che mai come quest’anno il voto è stato così poco segreto, considerato il forte attivismo dimostrato su Facebook e Twitter.

Proprio questo attivismo si sta dimostrando un boomerang per la trasparenza elettorale, perché la volontà di testimoniare il proprio voto ha portato alcuni cittadini a fotografare e condividere la preferenza assegnata nel segreto del seggio. Questa pratica è un reato e secondo la legge italiana è punibile con mille euro di multa e con la reclusione da tre a sei mesi.

Video:

Un altro aspetto dell’utilizzo dei social network in tempo di elezioni è la velocità con cui si diffondono suggerimenti bizzarri, come quello dato da un candidato 5 Stelle alla Camera, che su Facebook ha invitato gli elettori a inumidire la punta della matita prima del voto, in modo da evitare che il segno apposto possa essere cancellato e impedire eventuali brogli. A confutare questa teoria è però arrivato un suo collega, consigliere comunale a Bologna, sostenendo che la pratica di inumidire la matita potrebbe portare a sbavature che porterebbero all’annullamento della scheda.

-------------
-------------
GD Star Rating
loading...
-------------

-------------

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... elezioni, facebook, matita
omofobia partito giorgia meloni
Elezioni 2013, video omofobo “non votare con il culo”: il partito Fratelli d’Italia nella bufera

Polemiche in vari partiti a qualche giorno dalle elezioni 2013: Oscar Giannino si dimette dopo...

Chiudi