Classifica migliori siti social lending europei secondo Forbes, c’è anche Smartika



Cos’è il social lending, quali sono i rischi e quali sono i migliori siti europei di prestiti tra privati secondo Forbes

migliori siti social lending

Del sito Smartika (ex Zopa) abbiamo parlato già qualche tempo fa, analizzando brevemente il fenomeno del social lending, ovvero il prestito peer to peer, cioè tra privati.

Nonostante qualche voce contraria, il social lending in tempi di crisi viene visto positivamente, e i motivi sono evidenti, e legati alla definizione stessa del fenomeno.

Come funziona il social lending

Con il social lending delle persone possono richiedere in prestito denaro a interessi più bassi rispetto a quelli che otterrebbero (magari anche più difficilmente) ricorrendo a banche o società specializzate nei prestiti.

Dall’altro lato, chi ha una discreta somma da investire, è un ottima alternativa a titoli di stato, buoni fruttiferi, conti deposito e altre forme di investimento note.

-------------
-------------

Il tutto avviene tramite un sito, con una società che raccoglie denaro da privati e li concede a privati. La società che si occupa del social lending è un istituto di pagamento autorizzato dalla banca d’Italia, e si occupa del meccanismo di stipula del contratto di prestito, così come del recupero crediti in caso di insolvenza del richiedente il prestito.

Per minimizzare il rischio di insolvenza, se un utente richiede un prestito di una certa somma (immaginiamo 5000 euro), quest’ultima verrà suddivisa in tranche (normalmente di 10 euro) ed quindi il richiedente ottenie denaro non da un unico prestatore, ma da centinaia (nel nostro esempio da 500 prestatori).

Vedendola dall’altra prospettiva, dunque, chi investe il proprio denaro con il social lending ottiene rendimenti sufficientemente elevati (6-8%, che di questi tempi è una manna dal cielo) prestando a tante persone, anzichè una sola.

Il rischio è caratterizzato dalla probabilità di insolvenza del richiedente il prestito, ma anche questo può essere scelto, con l’evidente legame che ad un rischio più elevato corrisponde un interesse più alto.

Ogni richiedente di prestiti tramite i siti di social lending vengono inseriti in una certa categoria, caratterizzata da una lettera: la lettera A+ corrisponde agli utenti che hanno determinate caratteristiche (ad esempio un contratto di lavoro a tempo indeterminato, un reddito elevato, un’età non avanzata, ecc.) tali per cui è minimo il rischio di non restituire parte (o tutto) il prestito ricevuto.

Poi c’è la lettera A, con un rischio di insolvenza maggiore, poi la B e infine la C.

Chi presta denaro decide l’ammontare della singola tranche (cioè quanto prestare al singolo richiedente, di default è 10 euro), la categoria dei prestatori, la durata del prestito (24, 36, 48 mesi, in alcuni siti di prestiti peer to peer anche 12 mesi) e ovviamente anche l’interesse a cui prestare.

Tutto poi dipende dalla legge della domanda e dell’offerta: se si presta ad un tasso troppo elevato nel mercato A+, è chiaro che nessun utente accetterà queste condizioni. Chi richiede un prestito stabilisce autonomamente il tasso di interesse (TAEG) massimo a cui vuole essere prestato denaro.

Zopa, Smartika e gli altri migliori siti in Europa di prestiti tra privati: la classifica di Forbes

Spiegato in sintesi il meccanismo e la convenienza dei prestiti tra privati, vediamo quali sono i migliori siti in Europa che si occupano di Social lending. L’elenco dei siti di prestiti peer to peer più importanti, dal primo al decimo posto, è stata stilata dal prestigioso sito Forbes.com, il sito associato all’omonima rivista di economia nota per le classifica degli uomini più ricchi del mondo.

Ai primi posti ci sono siti britannici, all’ottavo c’è l’italiana Smartika, che ricordiamo essere la Zopa italiana (dato che appunto esiste la versione inglese, al primo posto della classifica).

http://uk.zopa.com/

http://www.ratesetter.com/

https://www.fundingcircle.com/

https://www.auxmoney.com/

https://www.isepankur.ee/home

http://www.pret-dunion.fr/

http://www.thincats.com/

http://www.smartika.it/Web/

http://www.comunitae.com/

http://www.fundingknight.com/

 

 

Fonte:

Video:

http://www.forbes.com/sites/groupthink/2013/04/23/crowdfunding-in-europe-the-top-10-peer-to-peer-lenders/

GD Star Rating
loading...
Classifica migliori siti social lending europei secondo Forbes, c'è anche Smartika, 10.0 out of 10 based on 3 ratings

Un pensiero riguardo “Classifica migliori siti social lending europei secondo Forbes, c’è anche Smartika

  • 6 Dicembre 2013 in 05:25
    Permalink

    Avete bisogno di un prestito? per il consolidamento del debito, il miglioramento casa, per Natale, una nuova casa, ampliando fini di investimento, o anche un prestito per le vacanze, non esitate a contattarci tramite: e-mail: [EMAIL CANCELLATA PER SPAM]

    Importo necessario:
    Prestito Durata:
    nomi:
    Gende r:
    Stato / Nazione:
    Numero di telefono:
    Scopo del prestito:

    attraverso il nostro E-mail: [EMAIL CANCELLATA PER SPAM]

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... guadagno, interessi, investimenti, prestito, smartika
conto barclays
Conti correnti low cost con interessi attivi: Casa più di Barclays

  Con le offerte e le promozioni sui conti deposito, la maggioranza dei conti correnti...

Chiudi