Farmaco generico o di marca? Online la mappa del risparmio



Acquisti farmaci di marca anzichè i farmaci generici? Ecco tutti gli sprechi della spesa sanitaria, Regione per Regione: il progetto Salvadanaio della Salute, della Assogenerici

farmaci genericiOgni farmaco è composto da una serie di principi attivi, presenti allo stesso modo nel prodotto di marca come in quello cosiddetto farmaco generico. Pur tuttavia rispetto al generico spesso si preferisce il prodotto ‘griffato’ che costa di più proprio perché viene caricato una sorta di prezzo della diffidenza che finisce dritto dritto nelle tasche delle major del farmaco, ma che va anche a pesare e non poco sulle casse dell’SSN, il Servizio Sanitario Nazionale.

Ma se gli italiani puntassero sempre sul generico, non acquistando i farmaci di marca, quanto si andrebbe a risparmiare Regione per Regione? Ebbene, la risposta in merito arriva dalla Assogenerici che ha lanciato il “Salvadanaio della Salute“, un calcolatore online che Regione per Regione dall’1 febbraio del 2014 va a misurare il risparmio potenziale ottenibile riferendosi ai farmaci che, rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale, appartengono alla fascia A.

 


Il Salvadanaio della Salute nasce da un’iniziativa del Centro Studi di Assogenerici basandosi sui dati Ims Health. L’Assogenerici ha tra l’altro spiegato come il lancio del Salvadanaio della Salute miri a porre l’attenzione sul fatto che l’aumento della spesa farmaceutica va a pregiudicare in prevalenza l’assistenza alle fasce più deboli della popolazione.

Questo perché un’ampia quota di famiglie, nell’acquistare il farmaco di marca rispetto al generico, non paga in più solo il prezzo della diffidenza, ma si espone ad una maggiore spesa in uno scenario che è caratterizzato da un’elevata pressione fiscale, basse pensioni e bassi livelli per le retribuzioni.

GD Star Rating
loading...
-------------
-------------

3 pensieri riguardo “Farmaco generico o di marca? Online la mappa del risparmio

  • Pingback: Esenzione ticket farmaci generici per chi vive in Lombardia | IMMENSO blog

  • 28 Luglio 2014 in 10:13
    Permalink

    Ciao, anche io acquisto solo farmaci “griffati” perché sono dell’idea che il risparmio vada cercato in altri settori, non nelle cure mediche; e comunque a mio avviso il maggior costo è giustificato. Informandomi un po’ ho visto che il percorso di registrazione dei prodotti generici è diverso rispetto a quello dei farmaci di marca. Il farmaco brand prima di essere immesso sul mercato deve subire rigide procedure. In media servono tre anni di sperimentazioni precliniche, dopo di che deve attraversare tre fasi di sperimentazione: prima su volontari sani, poi su pazienti reali ed infine su un campione ampio di pazienti. Mentre l’iter dei farmaci generici è semplificato e meno complesso perché prende in considerazione gli studi del farmaco di marca. Detto questo bisogna dire che la concentrazione del principio attivo nei due farmaci non è la solita, ovvero la quantità di principio attivo del farmaco generico presente nel sangue dev’essere simile a quella del farmaco di marca, ciò può variare del +20% o -20%. Quindi l’effetto del farmaco generico sul paziente non è detto che sia il solito del suo generatore.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.