Varicella in gravidanza, tutte le conseguenze possibili



La varicella in gravidanza: ecco quando essa può essere veramente un problema per il bambino

gravidanza varicellaLa gravidanza è il periodo più bello ma più ansioso di tutta la vita di un donna, soprattutto quando essa è la prima.

L’ansia e le paure che manifestano le future mamme molto spesso sono causate dalla disinformazione più che dall’istinto, la stessa che spinge numerose donne ad allontanare dalla propria abitazione i gatti, per paura della toxoplasmosi, non sapendo che poi si potrebbe contrarre anche mangiando l’insalata non pulita bene.

Tralasciando questo delicato argomento, poniamo l’attenzione su un’altra affezione, solitamente infantile, che potrebbe creare panico ed ansia alla futura mamma, qualora la contraesse in gravidanza; stiamo parlando della varicella.

Partiamo col dire che la varicella in gravidanza potrebbe comportare serie conseguenze al futuro nascituro, come per esempio, lesioni cutanee, difetti ossei alle gambe, idronefrosi (ingrossamento dei reni), infezione degli occhi (corioretinite) e talvolta può anche essere colpito anche il cervello (atrofia corticale).

Data questa premessa spaventosa, c’è da aggiungere che le suddette si realizzano solo nel 2% delle gravidanze, e soprattutto, se la malattia viene contratta tra la 13°e 20° settimana di gestazione.

-------------
-------------

C’è da aggiungere però che la manifestazione somatica di tale infezione, non è istantanea ma è il risultato di un periodo di incubazione, periodo in cui il virus scatenante, il Varicella-Zoster entra nell’organismo ma non scatena la reazione immunitaria e che dura 2 settimane. Quindi, se per esempio si manifesta nella 22 settimana di gravidanza è molto probabile che si è contratta nella 20°, e che quindi, va curata subito.

Esiste pure la cattiva probabilità di trasmettere la varicella al feto durante il parto o poco prima dello stesso, con delle gravi conseguenze tra cui anche la morte. Per evitare questa possibilità,vengono somministrate al neonato le varicella immunoglobuline zoster (VZIG).

Video:

In conclusione, c’è da aggiungere che le informazioni riportate sono solo a scopo illustrativo e che non devono eludere il parere del proprio ginecologo.

 

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... gravidanza, malattia, mamme
asma alimentazione
Asma: come comportarsi a tavola

Asma come curarla a tavola mangiando gli alimenti giusti L'asma è stata generalmente suddivisa in...

Chiudi