Guida in stato di ebbrezza: casi assurdi ma purtroppo veri (1° parte)



Rispetto i carabinieri. Loro fanno il loro dovere, devono applicare la legge. Peccato che ogni tanto qualche cazzata la fanno anche loro. E quando ti rendi conto, non sai se ridere, come ad una barzelletta sui carabinieri, oppure stare serio e renderti conto che evidentemente in Italia c'è qualche problema. Della serie: chi controlla i controllori?

Copincollo dal forum ricorsi.net:
"vi riporto la mia esperienza:
vengo fermato all'uscita di un locale ore 03.00 alla guida della macchina del mio amico (seduto accanto a me) che ha appena vomitato e non se la sente di guidare. Mi fermano e mi fanno soffiare"
ed esce alla prova dell'etilometro "1.71 alla prima 1.65 alla seconda. Provo a spiegare che il mio amico non sta bene ma a loro non interessa, mi ritirano la patente e dopo aver fatto soffiare il mio amico (anche lui ben oltre la soglia) riconsegnano il veicolo a lui e ci lasciano andare a casa…. […] fanno firmare a me nello spazio PERSONA IDONEA ALLA GUIDA e lui nello spazio IL TRASGRESSORE…".

Per chi non l'avesse capito, questo è un caso gravissimo.
Il test dell'etilometro ha una importanza fondamentale: serve a rilevare (senza ricorrere all'invasività dell'analisi del sangue, ma ahimè con una percentuale d'errore sicuramente più alta del prelievo ematico) il tasso di alcool presente nel corpo di un conducente auto. L'obiettivo è prevenire incidenti stradali, dato che se guidi ubriaco hai una maggiore probabilità di dar vita a tamponamenti, uscite di strada, ecc.
I Carabinieri che hanno fatto il controllo di cui sopra, hanno rilevato che sia il conducente che il proprietario dell'auto erano INIDONEI di guidare l'auto, come comprovato dalle rilevazioni con l'etilometro. La prassi in questo caso è chiara: si deve far guidare l'auto ad una persona sobria (tasso alcolemico inferiore a 0,50 g/l, come recita l'art. 186 del Codice della Strada), altrimenti si chiama un carroattrezzi e lo si fa portare via. Non è avvenuto così.

Video:

L'impressione è che a questi uomini in divisa non interessi poi tanto l'obiettivo per cui sono lì a fare i controlli, ovvero prevenire possibili incidenti stradali, ma piuttosto a fare cassa, ritirando patenti e facendo verbali.
Mi chiedo: e se quel ragazzo (il proprietario dell'auto) avesse provocato un incidente, la responsabilità su chi sarebbe ricaduta?

GD Star Rating
loading...

8 pensieri riguardo “Guida in stato di ebbrezza: casi assurdi ma purtroppo veri (1° parte)

  • Pingback: Guida in stato di ebbrezza: casi assurdi ma purtroppo veri (2° parte) « Immenso blog 2.0

  • Pingback: Guida in stato di ebbrezza: 3 prove alcool test sono legali? « Immenso blog 2.0

  • 6 Marzo 2013 in 15:21
    Permalink

    ciao a tutti a me è capitato domenica 03/03/2013 alle ore 10.50 sono stato fermato dalla pol strada ke mi hanno fatto l alcool test risultando positivo ma siccome io sabato sera e domenica mattina nn ho bevuto sono stato risultato positivo al controllo se qualcuno ha avuto un esperienza come la mia puo conntattarmi tramite email. la mia e mail è tore.1980[chiocciola]hotmail[dot]it xke spiego bene come è andata la faccenda domenica mattina mi alzo alle ore 09 faccio colazione con il caffè e un goccio di latte prendo le pastiglie x l ipertiroidismo lavo i denti e faccio il risciaquo con il colluttorio Listerine poi verso le 10 esco a fare benzina a mio ritorno a casa vengo fermato dalla polizia ke mi fanno l alcool test ma vengo preso con un tasso alcoolico do 0,98 ma io ne sabato sera ke domenica mattina nn ho bevuto e lo spiego al poliziotto ke prontamente mi urla dietro dicendo di nn dire cazzate xke ne ha sentite tante in tutta la sua cariera ma questa le batte tutte. Io posso giurare ke quella sera e quella mattina nn ho bevuto allora come si spiega un fenomeno del genere lo posso giurare sulla mia stessa vita ke nn ho bevuto niente grazie se qualcuno vuol rispondere e spiegarmi il motivo xke io ad oggi nn cio capito un cazzo di quello ke è successo grazie

    Risposta
    • 6 Marzo 2013 in 15:31
      Permalink

      Non credo esista in giurisprudenza un caso in cui una persona che effettivamente non ha bevuto nulla ma ha solo preso il collutorio, è riuscita a dimostrare che l’etilometro non ha fatto il suo dovere.
      E in effetti sono un po’ scettico anche io, l’alcool del collutorio è estremamente volatile, non rimane nell’aria espirata, per due rilevazioni.
      A proposito, ma alla seconda rilevazione quanto hai preso?

      Se hai firmato il verbale in cui hai ammesso il fatto di aver bevuto la sera, direi che c’è poco da fare. segui la procedura, sei mesi di ritiro patente, sanzioni e visite mediche.

  • 6 Marzo 2013 in 15:24
    Permalink

    questa è la legge italiana e questi sono i nostri tutori della legge

    Risposta
  • 6 Marzo 2013 in 17:10
    Permalink

    ma siccome io sono affetto da ipertiroidismo la seconda era 0,78 e ho letto ke le pastiglie della tiroide puo alterare anke x 2 ore il tasso alcolemico ma veramete io nn ho bevuto nulla la sera prima ed ho anke i testimoni ke possono dimostrarlo. ma siccome se dovessi bere e prendere le pastiglie sarei in ospedale attaccato alla macchina visto ke ne prendo al giorno 12 pastiglie e mezza xke altera anke il cuore percio sarei stupido a bere

    Risposta
  • 6 Marzo 2013 in 17:12
    Permalink

    poi visto ke me l avevano gia ritirata ne 2007 sempre in stato di ebrezza cosa succede ora??

    Risposta
    • 6 Marzo 2013 in 17:21
      Permalink

      non so che dirti, la cosa più importante e intelligente da fare ora è rivolgersi ad un buon avvocato che seguirà la tua pratica, e ti dirà cosa fare (esempio produrre certificazione medica per il tuo caso ecc.). Ci sono esperienze di altre persone anche su forum online come quello di ricorsi.net. Non so se nel tuo caso scatta la recidiva, di sicuro è che non rivedrai la patente e dunque non potrai guidare prima di sei mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... carabinieri, codice della strada, etilometro, patente
Il primo alcool test non si scorda mai

Il primo controllo dei Carabinieri, la fatidica frase “patente e libretto” e la prova dell’etilometro...

Chiudi