Rifiuti organici trasformati in fertilizzanti? Si può con Ecodyger



Ecodyger, l’elettrodomestico che trasforma i rifiuti in compost. Ecco come funziona

ecodygerEcodyger è il nome di una nuova tecnologia ed elettrodomestico nato per ridurre drasticamente i rifiuti umidi-organici (dal 70% fino al 90%) direttamente laddove sono giornalmente generati. Parliamo di ristoranti, mense, hotel, ospedali, case di cura, centri cottura, caserme, supermercati.

Il disagio che comporta la produzione di scarto/rifiuto organico è molto alto se si osservano i diversi ambiti coinvolti:

– Ingombro di sacchi / contenitori dell’umido e la mancanza di spazi per il loro stoccaggio

Utilizzo e manutenzione di celle refrigerate/climatizzate

-------------
-------------

Cattivi odori e proliferazione di germi e batteri che attaccano il luogo di lavoro

– Fonte di attrazione di animali e insetti nelle aree di stoccaggio dello scarto

– Attività di continua pulizia, ricondizionamento e sanificazione

– Costi per l’onerosa gestione logistica dello scarto nelle strutture

Quello che rimane dei rifiuti organici è una risorsa naturale

Ecodyger oltre a ridurre drasticamente peso e volume dei rifiuti organici, restituisce la poca parte restante sottoforma di vera e propria risorsa naturale che può essere usata in molti modi. Il processo di trasformazione di Ecodyger, brevettato a livello internazionale, produce due residui: uno solido e uno liquido. Il prodotto solido ottenuto può essere usato come fertilizzante naturale, avente stesse caratteristiche del compost.

Privo di cattivi odori, germi e batteri, può essere conservato per settimane e mesi in poco spazio. Il prodotto liquido può essere scaricato in fognatura come avviene normalmente per lavatrici e lavastoviglie.

Obiettivo: cancellare milioni di tonnellate di rifiuti

Nella sola Europa, vengono prodotti ogni anno oltre 252 milioni di tonnellate di rifiuti.

Di questi il 35% sono rifiuti organici! Da qui si capisce perché la Direttiva Europea sulla gestione dei rifiuti (2008/98/CE) chieda a tutti i paesi membri di legiferare per iniziare a favorire tutte le forme di prevenzione e riduzione alla fonte ed a seguire riciclo e recupero di altro tipo dei rifiuti che non si riesce a ridurre. Se solo tutti i paesi europei utilizzassero Ecodyger, riusciremmo a ridurre 88 milioni di tonnellate di oltre il 70-90% con una parte restante riutilizzabile in agricoltura ed attività di giardinaggio e recupero ambientale.

 


Contributo alla Carbon Footprint – riduzione emissioni di CO2

Ecodyger è nato per interpretare la filosofia Zero Waste, per limitare il più possibile le emissioni di CO2.

L’utilizzo di questo dispositivo ha quindi un forte impatto sulla Carbon Footprint. Il motivo è molto chiaro: si evita/limita la raccolta, il trasporto e il conferimento tradizionale dei rifiuti.

 

Per utilizzo commerciale e domestico

Ecodyger permette di risparmiare in tasse, laddove già previsto dagli enti nazionali e locali, ma non solo. Riduce drasticamente l’utilizzo dei sacchetti dell’umido ed i continui spostamenti di sacchi e bidoni nelle strutture.
L’apparecchio è già disponibile nella versione Professionale per tutte le attività commerciali citate.
Il team di ricerca e sviluppo sta ultimando i test sulla nuova versione, più piccola e pensata per un utilizzo domestico e piccole attività commerciali come bar e snack-bar. A breve sarà disponibile sul mercato con forme e dimensioni pensate per questa tipologia di utenti.

Ricerca, sviluppo e produzione Made in Italy

Ecodyger è nato da un gruppo di startupper italiani, residenti sul lago Maggiore, quindi un’idea tutta made in Italy frutto di una lunga ricerca e sviluppo durata oltre tre anni.
Per comprendere la professionalità e la difficoltà richieste dal progetto, basti pensare che è coordinato da un ingegnere chimico nucleare esperto di comportamento dei materiali organici coadiuvato dal lavoro di un fisico della materia.
Premio all’innovazione

Proprio grazie all’elevata innovatività, la tecnologia Ecodyger è stata già premiata nell’autunno del 2012 con lo UK-Italy Nautical Innovation Award attirando l’attenzione della camera di commercio inglese.

Dietro al progetto c’è la passione per l’innovazione di Davide e Francesco Paolillo. Già operanti nel settore metalmeccanico, con una lunga esperienza nel mondo degli elettrodomestici e automazione.

Per approfondimenti potete consultare il sito www.ecodyger.com.

GD Star Rating
loading...
Rifiuti organici trasformati in fertilizzanti? Si può con Ecodyger, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in ecodyger, elettrodomestici
risparmiare bolletta luce
Come consumare meno elettricità

Risparmiare sulla bolletta della luce, ecco come fare Se ogni volta che passate vicino la...

Close