Kiwi ai fitofarmaci, arresti a Latina



KIWI più in fretta e dopati: quattro arresti, 40 aziende sotto inchiesta, 27 perquisizioni in tutta l’Italia. Sono questi alcuni dei numeri dell’inchiesta condotta dai carabinieri del Nas di Latina che ieri all’alba ha portato alla notifica e alla esecuzione di 4 ordinanze di custodia cautelare tra Cisterna e Aprilia nell’ambito dell’opera – zione denominata «Super kiwi ». Quella sgominata ieri all’alba dal Nas di Latina sotto il coordinamento del sostituto procuratore Miliano è un’associazione per delinquere finalizzata alla importazione, produzione e diffusione illegale di un agrofarmaco contraffatto all’origine (il Dormex) e importato sotto falso nome la cui vendita era stata vietata dal Ministero per la Salute nel 2008, e dedita alla contraffazione in un laboratorio clandestino di Aprilia di un agrofarmaco (il Sitofex) di libera vendita riprodotto però con concentrazioni del principio attivo spesso doppi rispetto a quanto previsto dalla legge e che proprio per questo avrebbe potuto avere effetti cancerogeni. Una inchiesta che i militari agli ordini del capitano Minicelli hanno avviato nel 2009 a seguito di una serie di controlli e
di una denuncia sporta dall’unica azienda titolata a produrre uno dei due fitofarmaci che ad un certo punto, proprio in terra pontina, ha cominciato ad accusare un calo delle vendite vicino al 40, 50 per cento. Segno che sul mercato era stato introdotto un prodotto similare. I carabinieri hanno effettuato per mesi perquisizioni, intercettazioni telefoniche e ambientali, pedinamenti, il tutto per arrivare ai quattro destinatari degli ordini di cattura firmati dal Gip Coccoluto. Si tratta di Carmine Vincenzo Saccone 51 anni che secondo l’accusa occupava il
ruolo di vertice del sodalizio e si occupava dell’importazione dalla Cina (tramite corrieri e servizio postale) del principio attivo con cui realizzare il farmaco, era il «chimico» con un passato di dipendente in una nota azienda del nord Italia specializzata in prodotti per l’agri -coltura; Ivano Tassinari 59 anni, il «direttore commerciale» colui che contattava gli agricoltori interessati all’acquisto e che grazie alle sue rivendite di prodotti agricoli teneva i contatti con i clienti e persona nota in città in quanto candidato col Pd alle recenti elezioni; Clemente Duras 43 anni, braccio destro del capo a cui sembra legarlo un legame di parentela acquisita è il «rappresentante» e colui che curava le consegne a domicilio dei flaconi; Ivanov Kiril Yanculov 47 anni bulgaro che svolgeva le funzioni di operaio specializzato nella miscelazione dei prodotti.
L’inchiesta naturalmente è molto più estesa e comprende in tutto 47 indagati da Cuneo a Treviso, Verona, Ravenna, Roma, Latina, Reggio Calabria.
Li accomuna la coltivazione del kiwi che proprio in terra pontina, centro di smistamento dei prodotti illegali, ha ricevuto nel 2004 dall’Unione Europea il marchio di indicazione geografica tipica. Tutti, quindi, interessati a far germogliare e maturare in tempi ridotti il frutto esoprattutto ad ottenere frutti grandi grazie all’azione anabolizzante dei prodotti che il sodalizio vendeva sottobanco e a prezzi ridottissimi. I carabinieri hanno calcolato che ogni litro era ceduto a circa 7 euro, quando il prodotto legale veniva veduto a non meno di 11 euro. Il giro di affari, hanno sottolineato ieri in conferenza stampa il colonnello Pierluigi Felli comandante del Gruppo Nas Roma e a cui fanno capo i Nas del centro Italia, il sostituto Giuseppe Miliano, e il capitano Francesco Minicelli comandante del Nas Latina, si aggira intorno a un milione e 300mila euro l’anno, per 186mila chili di agrofarmaco contraffatto importato dalla Cina. Sotto sequestro sono finiti il laboratorio clandestino nelle campagne di Aprilia, 9 chili di principio attivo con effetto «ormonale» importato dalla Cina sotto falsa denominazione, 250 etichette contraffatte, 1.500 flaconi. «La pericolosità dei prodotti in questione – ha voluto precisare il colonnello – è relativa a chi lo utilizza, che deve essere protetto da guanti e maschere, non risultano effetti nocivi legati al consumo dei kiwi

Video:

[tratto da Latina oggi ]

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... doping
Un tour a metà

Con l'esclusione di Basso e di Ullrich, il tour de France entra nell'incerto, allontanando molti...

Chiudi