Come fare una frittura perfetta



Friggere in maniera sana. Ci sono degli accorgimenti da attuare per far sì che le pietanze fritte non siano malsane e soprattutto pericolose per la salute.

frittura come farla

Friggere non è facile come sembra. Non basta solo scaldare l’olio e immergere la pietanza, bisogna tenere conto della quantità delle pietanze da friggere, da cosa si deve friggere e dalla temperatura dell’olio, oltre che del tipo di olio, o grasso usato.

E’ bene sapere, anche per un fatto di sicurezza domestica, è quella di procurarsi un recipiente a bordi alti, con il fondo pesante. Va benissimo una casseruola o una padella, ma deve essere riempita con abbondante olio, ma mai raggiungere i due terzi della sua capacità. Questo per evitare che l’olio fuoriesca e che si infiammi, procurando un pericolo di incendio molto serio.

E’ importante il tipo di olio, o grasso, che si usa per friggere. Al Nord si usa molto il burro, mentre al Sud si usa l’olio, ma anche lo strutto di maiale. Da allora molte cose sono cambiate, e per avere una frittura molto leggera, è meglio usare l’olio di semi vari, oppure quello di arachidi. Esso, a differenza di altri grassi, è insapore e soprattutto è anche più economico, specialmente se si devono friggere grosse quantità di cibo. L’olio di oliva è resistente alle alte temperature, ha un punto di fumo simile a quello di arachidi, ma il suo difetto è che rilascia un retrogusto particolare, il quale potrebbe rovinare la pietanza.

Molte ricette indicano a che temperatura friggere, ma non tutti hanno un termometro da cucina a disposizione. Ed è per questo che vengono in aiuto i metodi delle nonne: mettere un pezzo di pane raffermo dentro l’olio, appena inizia a fumare. Se impiega 40 secondi a diventare dorato, vuol dire che l’olio è a 190 gradi. Se il fritto è gommoso e per nulla croccante, la temperatura dell’olio è troppo basa, mentre se la pietanza è troppo scura, dura e asciutta, la temperatura è troppo alta. Per raffreddare l’olio, c’è un metodo molto semplice, ossia aggiungerne dell’altro, freddo. Se si abbassa troppo, cioè si forma una schiuma densa e voluminosa, bisogna eliminare la schiuma in eccesso, rimettere il tutto sul fuoco e riportarlo a temperatura.

-------------
-------------

Per ultimo, scolare gli alimenti su carta assorbente. Solo quando saranno ben scolati si possono aggiungere il sale o lo zucchero. Andranno poi serviti immediatamente, in quanto saranno ancora croccanti e fragranti.

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.