Gabriele Paolini, il disturbatore fetish è un inno alla vita



Ma perché lo fa? Qual’è il suo vero lavoro?
Chissà se l’avete pensato anche voi, guardandolo in una delle sue innumerevoli esibizioni da ‘disturbatore’ nei collegamenti esterni di tg e rubriche televisive.
Uomo dai Guinness dai primati, dalle mille e mille querele, dalle foto scandalose da fetish estremo (ora il sito è stato chiuso), dei calci subiti da Frajese (e da diversi altri colleghi), del finto funerale in suo onore, l’uomo che chiese a Papa Wojtyla se avesse mai avuto un’erezione, e che a Madre Teresa di Calcutta donò un condom, Gabriele Paolini può sembrare a prima vista uno squilibrato, o un esibizionista che non sa come passare il suo tempo, e lo trascorre dando fastidio a seri (più o meno) professionisti della tivù.
Poi, dal suo sito ufficiale, tra la marea di insulti e di complimenti, ho voluto capire il motivo della sua battaglia ‘del condom’, la sua scelta di vita, e ho capito, pur non condividendo la ‘metamorfosi’ dalle silenziose presenze del passato alle attuali rumorose apparizioni con tanto di insulti gratuiti, che la sua battaglia per la vita merita comunque rispetto, insieme ai suoi appelli contro la pedofilia e il sesso con gli animali.
Grande Paolini.
P.S: Per quanto riguarda la seconda domanda, Paolini guadagna soprattutto dalla vendita dell’immagine: “si va dalla singola fotografia ceduta in esclusiva ad una rivista all’intervento televisivo voluto dall’emittente (privata o di stato) o dal singolo giornalista, passando alle ospitate nei luoghi pubblici (discoteche, saune, ristoranti, alberghi, locali alternativi), alla vendita di libri, videocassette e di “opere d’arte” molto particolari”.
GD Star Rating
loading...
-------------
-------------

3 pensieri riguardo “Gabriele Paolini, il disturbatore fetish è un inno alla vita

  • 8 gennaio 2006 in 16:39
    Permalink

    Personalmente non sopporto le persone che mi disturbano mentre sono concentrato nel mio lavoro+

    Paolini e’ una di queste

    perche’ cazzo deve rompere i coglioni! Grande fu il gesto di Frajese quando gli diede un calcio sotto i coglioni.

    By GIORGETTO

    Ciao rick ci vediamo all’ universita?

    Risposta
  • 8 gennaio 2006 in 20:34
    Permalink

    Beh, per la prima volta ti sei autenticato in un commento…

    dopo tutti questi commenti anonimi finalmente un gesto che ti fa onore.

    Ce verimm’ all’université…io, un abusivo tra i dottori…

    Risposta
  • 10 gennaio 2006 in 13:57
    Permalink

    Ebbene si!

    non ti ci abituare!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.