Savina Caylyn, ultimatum dei pirati: “o pagate entro fine mese oppure chiediamo piu’ soldi”



savina caylyn ultimatumUltimatum dei sequestratori della nave Savina Caylyn. C’è il rischio che il sequestro arrivi ad un anno

Aggiornamento sul caso della Savina Caylyn, la nave italiana rapita più di nove mesi fa da pirati somali, con a bordo 5 italiani.

La notizia, di tre giorni fa, pubblicata su Libero Reporter (unico quotidiano online che informa dettagliatamente sul caso), riguarda una telefonata fatta dalla petroliera sequestrata. Tramite le voci di tre dei rapiti, il comandante Giuseppe Lubrano Lavadera, il direttore di macchine Antonio Verrecchia e il primo ufficiale di coperta Eugenio Bon, i sequestratori lanciano un ultimatum: o si paga tutto il riscatto entro fine mese, oppure le richieste possono aumentare e il sequestro durerà almeno un anno, ovvero come minimo a febbraio 2012.

Ecco alcuni stralci della telefonata.

“Vi chiamiamo” a parlare è il comandante Lubrano Lavadera, “perché l’offerta ricevuta da parte dell’armatore, non è sufficiente per quanto richiesto più volte dai pirati e che per colmare questa distanza, ci vogliono x milioni di euro in più. Il mediatore dei pirati, non avendo ricevuto la chiamata che aspettavano dal mediatore della compagnia armatoriale, comunica che loro aspetteranno massimo fino a fine novembre, mantenendo ferma la loro richiesta fatta già da tempo, senza aumenti. Superato questo tempo, non libereranno prima del compimento di un anno nessun marinaio e il prezzo del riscatto salirà notevolmente, questo anche in virtù del fatto che i pirati sono andati incontro a molte spese per tenere l’imbarcazione in condizioni di funzionare nel minimo dei servizi essenziali e per rifocillare tutte le persone che si trovano coinvolte nella vicenda. […]

 


Noi vorremo tornare a casa almeno per le feste di Natale.  Sono quasi dieci mesi che siamo qui sotto il tiro delle armi, con le condizioni igieniche che peggiorano di giorno in giorno, l’umidità ormai è intorno al 100%, qui siamo vicini all’equatore, il caldo umido è massacrante, siamo sfiniti.

-------------
-------------

Non capiamo qui da bordo  con tutta l’umiltà che possiamo avere, perché non si può trovare la soluzione per tutti noi […] Altre navi occidentali sono state liberate in breve tempo, pagando e risolvendo pacificamente, rispetto alla nostra, e qui invece i mesi passano e noi siamo fermi qui.”

 

Il telefono passa nelle mani del direttore Verrecchia: “Le condizioni di salute e quelle igieniche peggiorano ogni istante di più che rimaniamo su questa imbarcazione. Si era aperto uno spiraglio dopo l’annuncio fatto in diretta, ma ora si è fermato di nuovo tutto. […] se non si trova l’accordo per quanto richiesto in questi mesi, come si potrà pensare di trovare una possibile soluzione se i pirati, passato questo mese, chiederanno di più? Saremo destinati a rimanere qui? ”

 

In ultimo la raccomandazione del primo ufficiale Bon: “Che nessuno si avvicini, altrimenti ci possono essere dei grossi problemi, perché questa situazione si ritorce contro di noi, sui nostri corpi.”

 

Una telefonata dal sapore politico, scrive Libero Reporter nel suo articolo. I pirati hanno tenuto a far sapere che considerano la cifra del riscatto di piccola entità, una sorta di ‘risarcimento’ dei danni subito dalla Somalia da parte dei paesi occidentali: “parte del quantum richiesto, poi viene distribuito anche alla popolazione della zona, per ripagare i torti subiti”.

 

Speriamo che il nuovo governo insediatosi con le dimissioni di Berlusconi mostri più attenzione nei confronti dei marinai rapiti.

 

 

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... antonio verrecchia, marinaio, savina caylyn
9 mesi fa rapita la nave Savina Caylyn, con Antonio Verrecchia e altri 4 italiani dimenticati

I marinai della nave italiana Savina Caylyn rapita da pirati somali: Cesaro, Lubrano, Guardascione, Verrecchia,...

Chiudi