La Camera approva la proposta anti corruzione



 

decreto anticorruzione
Governo Monti: il decreto legge anti corruzione e gli emendamenti,  la situazione aggiornata

Oggi 31 maggio 2012 la Camera dei Deputati ha approvato il decreto legge che prevede l’obbligo per tutti i dipendenti pubblici di rifiutare compensi e regali strettamente correlati all’esercizio delle proprie funzioni tranne i regali d’uso purché abbiano un valore non alto e nei limiti delle normali relazioni di cortesia.

Questa importante norma completa il Codice Etico redatto dal ministro Filippo Patroni Griffi e che il governo ha introdotto per i dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni per evitare il diffondersi dei fenomeni di corruzione ma soprattutto per assicurare la qualità dei servizi, il rispetto dei doveri costituzionali, lealtà ed imparzialità.

 


Su questo punto del decreto Pierluigi Mantini ha presentato un emendamento con cui il centrista non solo ha chiesto di allargare il divieto anche agli amministratori pubblici ma anche di introdurre un tetto massimo dei “regali d’uso” fissato a quota trecento euro. L’emendamento è stato ritirato in quanto il governo ha garantito che la sua proposta sarà al centro di un altro Ordine del Giorno.

In mattinata il governo Monti è stato battuto su un emendamento al DDL corruzione presentato dapprima dal Partito Democratico e poi fatto proprio dall’IDV che prevede che l’ «l’omissione del versamento del compenso da parte del dipendente pubblico indebito percettore costituisce ipotesi di responsabilità erariale soggetta alla giurisdizione della Corte dei Conti».

L’emendamento è stato approvato da Partito Democratico, Lega, Italia dei Valori, Lega Nord, Alleanza per l’Italia e Movimento per le Autonomie, contrari il Popolo delle Libertà, Udc, Fli, Gruppo misto, Popolo e Territorio e tre membri del Partito Democratico.  Risultato finale 237 si e 233 no.

-------------
-------------

Nella norma si afferma che non possono far parte dell’amministrazione pubblica in qualsiasi veste chi ha subito una condanna anche con sentenza non passato in giudicato e non possono neanche far parte delle commissioni per gli appalti, per la concessione ed erogazione di sovvenzioni, contributi e sussidi.

Per approfondire:

il testo del ddl anticorruzione in pdf

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... corruzione, emendamento, mario monti, notizia del giorno
violenze nei racconti dei bimbi dell'asilo di Rignano Flaminio
Scuola Rignano Flaminio, assolte le maestre. Ecco i racconti shock delle violenze subite dai bambini

Racconti agghiaccianti di violenze e degli orrori dei bambini dell'asilo di Rignano E' di ieri...

Chiudi