Elenco plugin wordpress fondamentali – 1° parte



plugin wordpress indispensabili

plugin wordpress migliori
In un articolo d’anteprima dedicato ai migliori plugin wordpress forse vi ho un pochettino deluso, perchè vi aspettavate un elenco dei plugin utili di WordPress da installare.

Ma dovete capire (e questa è la sintesi di quell’articolo) che ciò che vi può consigliare un guru di WordPress, è basato sulla sua esperienza d’uso di WordPress. Ci può essere un plugin fantastico per gestire con due click le gallerie fotografiche, ma che ve lo consiglio a fare, se voi sul vostro blog di WordPress mettete  – per dire – una foto ogni 10 articoli?

Nonostante ciò, vi voglio dare lo stesso un mini elenco di plugin wp che IO giudico essenziali, e probabilmente lo sarà anche per la maggior parte di voi lettori. Piuttosto che fare come il 99% degli altri blogger, che si limitano a dare un elenco di plugin wordpress, con il rischio che poi il plugin X sia stato sostituito nel tempo con il plugin Y, io vi dirò innanzitutto LA FUNZIONE che viene realizzata, ovvero il problema che dovete risolvere, e POI vi darò un nome di un plugin che utilizzo, con l’avvertimento che quel plugin magari col tempo diventerà obsoleto, e non più aggiornato. Oltre al nome di plugin vi fornirò anche i tag da cercare su http://wordpress.org/extend/plugins  in modo tale che anche fra 10 anni possiate trovare IL MIGLIORE e AGGIORNATO plugin che realizza quella funzione (esempio antispam, seo, paging).

Vediamo dunque quali sono i plugin WordPress da installare:

1) plugin wordpress per creare automaticamente una sitemap xml.

Se avete un blog su WordPress, volete scrivere articoli, e  volete che i vostri articoli vengano letti. Ovvero, volete visitatori. Per informare Google, Yahoo, Bing e altri motori di ricerca che avete scritto un nuovo articolo, è importante che abbiate una sitemap, ovvero un file contenente il sommario degli articoli scritti. Google XML Sitemaps fa al caso vostro. Andando in ‘impostazioni – XML sitemap’ potrete settare quali motori di ricerca devono essere informati sui vostri nuovi articoli,  la priorità di indicizzazione dell’home page, degli articoli, degli archivi mensili, delle pagine statiche, ecc.

2) plugin wordpress per impostare la paginazione del blog.

-------------
-------------

Di default WordPress, in home page e negli archivi, vi mostra un link del tipo “articoli precedenti” o “articoli successivi”. Sarebbe molto più utile avere la paginazione, ovvero la suddivisione dell’elenco degli articoli in pagine, con l’indicazione a fondo pagina di numeri: “1 – 2 – 3 …” ecc.

Di plugin che realizzano la paginazione ce ne sono a bizzeffe: cercate wp-pagenavi oppure il tag ‘paging‘ su WordPress. Ovviamente NON installate plugin per la paginazione se la paginazione stessa è già prevista dal vostro tema WordPress (è il caso mio).

3) plugin WordPress per cancellare automaticamente i commenti di spam.

Chi installa per la prima volta WordPress e vede tra i plugin già inseriti nel pacchetto wordpress il plugin Akismet, e capisce che serve contro i commenti di spam, lo ignora. Lo so, è un errore che ho fatto anche io. Si pensa “ma chi mai mi scriverà commenti di spam sul mio blog”? Invece no. Installatelo. Ripeto, fatelo. Non vi rendete conto di quanti commenti indesiderati vi potreste ritrovare sul vostro blog WordPress. In certi giorni ho avuto anche 30 commenti di spam, e questo blog (su WordPress, intendo) è stato creato (o meglio, trasferito) da poco. Mettersi a cancellare commenti su Viagra, software low cost, e altri scritti pieni di link pubblicitari a mano è un impresa, se state per giorni lontano dal pc. Akismet, o in generale un buon plugin antispam, è in-di-spen-sa-bi-le.

 


4) plugin WordPress per il SEO.

SEO significa SEARCH ENGINE OPTIMIZATION, ovvero l’insieme delle metodologie e degli strumenti necessari per avere un sito web che venga ‘considerato bene’ da un motore di ricerca (e dunque, come conseguenza, che possa puntare ad essere primo per delle keyword su Google o altri motori di ricerca).

Beh, sarà difficile a crederci, ma WordPress di default non offre un sistema ottimizzato per l’indicizzazione nei motori di ricerca. Plugin come Yoast Seo,  all in one seo, seo ultimate o platinum seo pack aiutano ad aggiungere meta tag, titoli, parole chiave, formati dei titoli, tags ‘no index’ e ‘no follow’ per evitare l’indicizzazione di contenuti duplicati, e aggiungono una textarea dalla pagina di creazione degli articoli, in modo tale che possiate scrivere un titolo e un testo ‘search engine friendly’, adatto per i motori di ricerca.

5) plugin wordpress per la cache.

Sempre in ottica SEO, il tempo di caricamento di un sito è uno dei fattori presi in considerazione da Google per stabilire il posizionamento sulla serp, cioè sull’elenco dei risultati di ricerca. In altre parole, un sito troppo lento a caricarsi difficilmente sarà primo su Google. Motivo? I visitatori non hanno la pazienza di Giobbe, quando passano troppi secondi e vedono una pagina bianca che ci mette ancora tempo per caricarsi, la chiudono e passano ad altro. Un sito troppo lento non va bene, per cui è indispensabile avere plugin per il caching come Wp-Cache, w3 total cache, WP Fastest Cache, Hiper Cache, Comet Cache o  Wp-SuperCache per migliorare le performance del sito. Questi plugin, quando un visitatore vuole visitare la pagina X, conservano in una cartella (la cache) del server la pagina stessa (un file statico, in html), e quando un altro visitatore richiederà la stessa pagina, consegneranno il file nella cache, anzichè ricaricarla col metodo classico, che richiede di dar vita a decine di query verso il database (controllate i file del vostro template wordpress e vedete quanto codice c’è e quanti controlli e funzioni che bisogna avere per caricare UNA SINGOLA PAGINA). Un server condiviso deve servire varie richieste al secondo, per cui i tempi di caricamento di una pagina web sono enormi in mancanza di un sistema di cache.

Il plugin super cache (che uso io) prevede un ulteriore (e opzionale) sistema di caching, in modo tale che TUTTE (o una parte) delle pagine del sito vengano inserite in cache, anche quelle che non sono state richieste in precedenza, in modo tale che ALLA PRIMA richiesta di una pagina X (e non dalla seconda richiesta in poi) vengano forniti dal server le pagine nella (Super) cache.

Ovviamente sarà possibile impostare un tempo, oltre il quale una pagina ‘scade’ per cui va rinnovata o cancellata dalla cache.

 

Beh direi che per oggi l’elenco può bastare, nei prossimi articoli continueremo a parlare di plugin wordpress utili.

GD Star Rating
loading...
Elenco plugin wordpress fondamentali - 1° parte, 8.0 out of 10 based on 2 ratings

Un pensiero riguardo “Elenco plugin wordpress fondamentali – 1° parte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro... akismet, cache, commenti, motori di ricerca, plugin wordpress, seo
wordpress plugin
I plugin migliori di wordpress da installare

  Quali sono i migliori plugin di wordpress che bisogna installare? I plugin sono gli...

Chiudi